FacebookTwitter

Il centro Lilith organizza ‘Notte in Rosa’, l’evento contro la violenza sulle donne.

violenza_donne12

Mercoledì 8 Luglio alle ore 21 presso il Parco di Serravalle di Empoli avrà luogo la NOTTE IN ROSA contro la violenza sulle donne organizzata da GINESTRA, il coordinamento dei Centri Antiviolenza e Ascolto costituitosi lo scorso anno, di cui, oltre al Centro Aiuto Donna Lilith di Empoli, fanno parte il Cif di Carrara e le Associazioni Ippogrifo di Livorno e Sabine di Montignoso (MS). Sarà una serata in rosa non solo perché il rosa è il colore che da sempre indica il mondo femminile, ma perché è un colore che trasmette positività, fiducia. Proprio questo è il messaggio che GINESTRA vuol dare a tutte le donne: abbiate fiducia in voi stesse, non tenetevi tutto dentro, c’è chi vi può aiutare a costruirvi una nuova vita di dignità e rispetto. Un messaggio positivo, che parte da tutte le donne che con l’aiuto dei Centri e delle Istituzioni, ce l’hanno fatta ma che coinvolge anche l’altro sesso. Un messaggio che tinge di rosa questa notte dedicata a tutte le donne ma rivolta anche agli uomini, in particolare a coloro che sono consapevoli che niente può motivare o tanto meno giustificare un abuso o un atto violento nei confronti di una donna. Così come non è ammissibile agire violenza contro chi è più fragile: minori, anziani, diversi. Solo se donne e uomini camminano insieme si può costruire una società più giusta e civile. Questa è la ragione per cui verranno indossate, anche da molti ragazzi, t-shirt con sopra scritto “Io penso in rosa” in tutte le lingue per testimoniare che tutti siamo chiamati a farsi carico di una cultura del rispetto. La serata inizierà con la proiezione de “La guerra di Lilith”, un video-documentario elaborato sotto la guida del Prof. Paolo Capezzone dagli studenti della classe 3G del Liceo Scientifico IL PONTORMO arrivato quarto ad un concorso regionale organizzato dal Sindacato pensionati CGIL. Poi sarà la volta della rete Ginestra che presenterà “Storie di donne. Storie di rinascita”, a conferma del messaggio di fiducia che i vari centri intendono trasmettere ai cittadini. D’altra parte è proprio la possibilità di offrire sempre migliori servizi che ha spinto i quattro centri antiviolenza a coordinarsi grazie per scambiarsi buone pratiche, promuovere insieme iniziative e progetti, per fare rete con Istituzioni e associazioni, integrando professionalità e competenze e restando aperti ad ogni contributo. La diversità fra queste Associazioni che si sono unite in “Ginestra” rappresenta la loro forza e la loro ricchezza. L’evento si colloca fra le iniziative di “Pubblica … mente insieme”, che nei mesi estivi creano per i cittadini opportunità di informazione, svago, socializzazione, ricreazione nel bel parco di Serravalle di Empoli.