FacebookTwitter

Il Centro Lilith delle Pubbliche Assistenze Riunite e le scuole del territorio a sostegno delle donne

empoli_sede_pubbliche_assistenze_via_xx_settembre02

La sede delle Pubbliche Assistenze Riunite di Empoli (foto gonews.it)

Oggi, 14 maggio alle ore 16,30 presso il Palazzo delle Esposizioni di Empoli, avrà luogo la presentazione delle attività svolte nell’ambito del progetto “CON-DIVIDO” che le operatrici del Centro Aiuto Donna Lilith di Empoli hanno attuato in 13 classi grazie al finanziamento ottenuto dalla Regione Toscana e al supporto dei Comuni di Empoli e Vinci e della sez. Soci Coop di Empoli.

Il progetto, che ha coinvolto oltre 300 studenti di tutte le fasce di età, dalle primarie di Empoli e Montelupo alle secondarie di primo grado di Empoli e Vinci, al Liceo delle Scienze Umane di Empoli, ha avuto lo scopo di favorire l’attuazione del principio delle pari opportunità uomo-donna e la valorizzazione della figura femminile.

Tratto caratterizzante le azioni del progetto è stato il coinvolgimento dei docenti e dei genitori, per condividere l’importanza di un’azione educativa tesa a comprendere il ruolo condizionante degli stereotipi, in particolare quelli di genere, nella costruzione dell’immaginario di ciascun individuo e sui ruoli che di norma vengono attribuiti a maschi e femmine. Fatto questo che spesso ostacola la piena realizzazione individuale e la possibilità di orientarsi nelle scelte di vita con consapevolezza.

La risposta degli studenti, dai più piccoli ai più grandi, è stata oltre le aspettative, grazie anche all’impegno dei loro insegnanti. E proprio i giovani saranno i protagonisti di questo pomeriggio di restituzione pubblica , alla presenza di amministratori, dirigenti scolastici, genitori.

A seguito degli interventi attuati dalle psicologhe e dalle psicoterapeute del Centro Lilith, che si è avvalso anche della collaborazione di operatrici dell’associazione Agrado e del contributo del Centro Bruno Ciari, ogni gruppo-classe ha infatti prodotto i propri lavori sull’argomento, da cartelloni a slogan, a riflessioni, a brevi filmati, dimostrando cosa dai giovani può scaturire quando vengono aiutati nel loro percorso di crescita di consapevolezze.

Hanno capito cioè che valorizzare le differenze offre la possibilità di un reciproco scambio e arricchimento e consente di realizzare pienamente le proprie aspirazioni.

La presentazione di tali lavori consentirà ai presenti di comprendere il senso del lavoro svolto e costituirà un significativo momento di sensibilizzazione sulla necessità che l’educazione ponga attenzione, fino dall’infanzia, al benessere e alla crescita consapevole di ogni individuo.

PP.AA.RR. EMPOLI

 

FONTE: GONEWS